bollino artID watermark artID watermark artID
Artist

cerri giovanni

milano 1969

Giovanni Cerri è nato nel 1969 a Milano, dove vive e lavora. Ha iniziato a esporre nel 1987 e da allora ha tenuto mostre in Italia e all’estero (Bolivia, Canada, Cina, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Polonia, Romania, Turchia, USA). Da sempre attratto dal territorio urbano di periferia, la sua ricerca si è sviluppata nell’indagine tematica dell’archeologia industriale, con raffigurazioni di fabbriche dismesse, aree abbandonate e relitti di edifici al confine tra città e hinterland. Dal 2001 al 2009, con il ciclo delle «città fantasma», ha lavorato dipingendo sulla carta di quotidiano. Un supporto che – attraverso alcuni frammenti di scritte – raccontava la nostra contemporaneità, come una sorta di cronaca affiorante dalla materia pittorica. Nel 2006, con questa tecnica, ha rivisitato in sedici quadri alcuni celebri volti della Cappella Sistina e del Giudizio Universale di Michelangelo per una mostra alla Galleria Blanchaert di Milano e successivamente è stato invitato dal curatore Philippe Daverio al Premio Michetti a Francavilla al Mare. Nel 2008 espone con il padre Giancarlo al Museo della Permanente a Milano nella mostra «I Cerri, Giancarlo e Giovanni. La pittura di generazione in generazione». Nel 2009 realizza il grande trittico dal titolo «Gomorra, l’altro Eden», ispirato al best-seller di Roberto Saviano. In questi anni, diversi suoi cataloghi sono stati accompagnati dai testi dell’amico scrittore Raul Montanari. Nel 2010 è tornato alla pittura su tela, presentando nell’ambito del Premio «Riprogettare l’archeologia», un altro grande trittico dal titolo «Habitat» alla Triennale Design Museum di Milano. Nel 2011, invitato dal curatore Vittorio Sgarbi, espone al Padiglione Italia Regione Lombardia alla 54° Biennale di Venezia e successivamente alla mostra “Artisti per Noto. L’ombra del divino nell’arte contemporanea” a Palazzo Grimani a Venezia. Nel 2014 il ciclo di opere “The great country” viene esposto all'Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen, all'Istituto Italiano di Cultura di Colonia e al Museo Riva 1920 di Cantù, la mostra è presentata in catalogo da Flaminio Gualdoni. Nel 2015 la mostra “Milano ieri e oggi” viene esposta all’Unione del Commercio a Palazzo Bovara a Milano, alla Cortina Arte a Milano, alla Galleria Palmieri di Busto Arsizio e all’Istituto Italiano di Cultura di Varsavia. Una sua opera è presente nella collezione del Museo della Permanente a Milano. Del suo lavoro hanno scritto, tra gli altri: Silvia Agliotti, Vera Agosti, Marina Arensi, Livia Baldanza, Simona Bartolena, Rolando Bellini, Francesca Bellola, Luisa Bergomi, Massimo Bignardi, Felice Bonalumi, Cinzia Bossi, Stefania Briccola, Marta Calcagno Baldini, Chiara Canali, Adriana Cuffaro, Ettore Ceriani, Gianni Cerioli, Paola Ciccolella, Gemma Clerici, Mauro Corradini, Tiziana Cordani, Stefano Cortina, Stefano Crespi, Filippo Cristini, Adriana Cuffaro, Antonio D’Amico, Hans De Clercq, Andrea B. Del Guercio, Mimmo Di Marzio, Elena Di Raddo, Gianfelice Facchetti, Alberto Figliolia, Pedro Fiori, Lorenza Fragomeni, Melisa Garzonio, Flaminio Gualdoni, Cristina Guerra, Paul Kroker, Lucio Izzo, Paolo Lezziero, Ezio Maglia, Teodosio Martucci, Fiorella Mattio, Elisabetta Mero, Mario Micozzi, Franco Migliaccio, Bruno Milone, Raul Montanari, Elisabetta Muritti, Luca Pietro Nicoletti, Franco Patruno, Carlo Perini, Dimitri Plescan, Gianni Pre, Mauro Raimondi, Veronica Riva, Claudio Rizzi, Steve Rockwell, Fabio Ruggirello, Salvatore A. Sanna, Gabi Scardi, Giorgio Seveso, Giorgio Trevisan, Chiara Vanzetto, Alberto Venditti, Gian Marco Walch.

Full Bio
Title

GLI OCCHI DI LEONARDO

Price

ArtID 37,500.00

7,500.00

Dimensions

130 (H) x 180 (W) 2 (z) cm

Year

2019

Technique

TECNICA MISTA SU TELA

L’OPERA È STATA ESEGUITA IN PREPARAZIONE DELLA MOSTRA SU “MILANO E LEONARDO” PER WESTEND GALERIE DI FRANCOFORTE SUL MENO, IN OCCASIONE DEL QUINTO CENTENARIO DELLA MORTE DEL GENIO DI VINCI E IN CONCOMITANZA CON IL CINQUANTESIMO ANNIVERSARIO DEL GEMELLAGGIO DI MILANO CON LA CITTÀ TEDESCA. HO PRESO SPUNTO DAL CELEBRE DISEGNO DELL’AUTORITRATTO DI LEONARDO IN ETÀ MATURA E MI SONO CONCENTRATO SUL SUO SGUARDO. GLI OCCHI AVVOLTI DALLA SEMIOSCURITÀ: DIFFICILE INDAGARE NEL PROFONDO DI UNA PERSONALITÀ COMPLESSA ED ANCHE MISTERIOSA, CI SI PUÒ SOLO ACCOSTARE E INGRANDIRE UN “PARTICOLARE”, INTERROGANDOCI SU QUALI PENSIERI POTESSERO SCORRERE NELLA GRANDE MENTE. THE PAINTING WAS DONE IN PREPARATION FOR THE EXHIBITION ON "MILAN AND LEONARDO" FOR WESTEND GALERIE IN FRANKFURT, IN OCCASION OF THE 500TH ANNIVERSARY OF THE DEATH OF THE GENIUS THAT WAS DA VINCI AND IN CONJUNCTION WITH THE 50TH ANNIVERSARY OF THE TWINNING OF MILAN WITH THE GERMAN CITY. I TOOK INSPIRATION FROM THE FAMOUS SELF-PORTRAIT DRAWING THAT LEONARDO DID AS AN OLDER MAN AND I CONCENTRATED ON HIS EYES IN SEMIDARKNESS: IT IS DIFFICULT TO EXAMINE DEEPLY SUCH A COMPLEX AND MYSTERIOUS PERSON, WE CAN ONLY COMPARE AND MAGNIFY A "PARTICULAR" AND ASK OURSELVES WHAT THOUGHTS COULD HAVE RUN THROUGH THAT GREAT MIND.

Suggested Artworks

carpignano michele

bosco antico

ArtID 17,250.00
3,450.00

carpignano michele

trasparenza e scogli -sardegna-

ArtID 17,250.00
3,450.00

carpignano michele

natura sommersa

ArtID 17,250.00
3,450.00

carpignano michele

a spasso tra i colori d autunno

ArtID 17,250.00
3,450.00